SOWELO

tu, che sei la sorgente di tutto il potere, i cui raggi illuminano il mondo intero, illumina anche il mio cuore così che anche lui possa svolgere il tuo lavoro

Pranoterapia - Bioenergia

La pranoterapia affonda le sue origini nella notte dei tempi. La si ritrova nelle civiltà e culture antiche: nell’antico Egitto, nelle comunità Essene in Oriente. Da sempre ed ovunque si è curato con questa tecnica che era appannaggio delle caste sacerdotali e monastiche; nelle culture tribali era di competenza degli sciamani curare con l’imposizione delle mani.

Nella Pranoterapia avviene un passaggio di energia (prana) dal corpo del terapeuta al corpo del paziente. Vi sono zone del corpo in cui sono possibili esuberi di energia (infiammazioni) o, al contrario, carenze energetiche (blocchi). L’intero organismo, a partire da ogni singola cellula, è permeato di energia che può fluire o essere bloccata. I blocchi energetici sono spesso causati da emozioni negative (dolori, dispiaceri, angosce, traumi, etc) e, andando a rimuoverli, si va a riportare equilibrio funzionale accelerando il processo di guarigione e contribuendo al ripristino del benessere psico-fisico.

Chi utilizza questa tecnica possiede una mano radiante ed una mano assorbente, grazie alle quali ha la capacità di riportare equilibrio nelle zone trattate e di variare la consistenza energetica all’interno dell’organismo.

E’ un metodo naturale, non invasivo ed è senza controindicazioni. Si può pertanto applicare a soggetti affetti da qualsiasi patologia, poiché non riconosce la malattia come tale, ma come disfunzione energetica organica. La malattia si esprime attraverso il fisico per comunicare che è in atto un conflitto all’interno di esso. Nel nostro corpo è presente un meccanismo in grado di catturare e restituire energia: ciò accade attraverso i chakra, che possiamo immaginare come piccoli vortici disseminati in ogni parte del corpo. Il nostro organismo è articolato intorno ad un complesso sistema energetico, indispensabile al suo funzionamento, e tale sistema è costituito da tre diverse strutture principali:

  • ­Corpi sottili o energetici (eterico, emozionale o astrale, mentale e spirituale)

Ogni corpo energetico possiede sue caratteristiche e frequenze vibratorie: da quello eterico che è più vicino al corpo fisico ed ha le frequenze più basse fino a quello spirituale il cui livello di frequenze è più elevato.

  • ­Chakra o centri di energia

I  7 chakra principali, posti lungo la colonna vertebrale, funzionano come dei collettori – trasformatori – diffusori di energia a beneficio del nostro organismo e presiedono alle varie funzioni del corpo, della mente e dello Spirito

  • ­Nadi o canali energetici

Possono essere immaginate come dei capillari che formano un vero e proprio reticolo in grado di trasportare il prana (energia vitale assorbita attraverso i corpi sottili) collegando tra loro i chakra

Quando i chakra non sono armonici ed in equilibrio tra loro l’individuo ne soffre sino a sviluppare patologie fisiche.

Questa tecnica, naturalmente, non intende sostituire la medicina ufficiale, ma può affiancarla, sostenendone gli effetti terapeutici.